ELETTRONICA DI BASE

ELETTRONICA DI BASE

1 ott 2018

COMPONENTI ELETTRONICI

I componenti sono alla base dei dispositivi elettronici. Possono essere suddivisi in componenti attivi e componenti passivi. I componenti attivi sono componenti che modificano il segnale di uscita. I componenti passivi sono componenti che non apportano alcuna modifica visibile al segnale di uscita.

Usando solo pochi componenti, spesso si può già costruire un progetto interessante. A seguire una panoramica dei componenti che ricorrono in quasi tutti i progetti:

CONDENSATORI

I condensatori sono componenti passivi in cui viene immagazzinata una carica. La misura di questa carica è la capacità del condensatore. Questa capacità viene definita in Farad. Esistono vari tipi di condensatori, tra cui condensatori a film, condensatori ceramici ed elettrolitici. Il condensatore a film è costituito da due pellicole metalliche con un filo collegato.  I condensatori ceramici sono dielettrici perché composti da metallo e ceramica. Ciò significa che gli elettrodi non sono caricati positivamente o negativamente. I condensatori elettrolitici sono costituiti da due strati di foglio di alluminio separati da un sottile strato (ad es. carta), impregnati di elettrolito. Gli “Elco” sono i più utilizzati, tra l'altro, quando è richiesta una capacità superiore a 1 uF, per stabilizzare le tensioni di alimentazione e per commutare gli alimentatori.

DIODI

Un diodo è un componente che permette che la corrente sia trasmessa principalmente in una direzione. La corrente fluisce in questa direzione solo quando la tensione ha raggiunto un determinato valore. I diodi esistono in molte versioni diverse. Ad esempio, ci sono diodi zener e diodi schottky. I diodi Zener sono attraversati dalla corrente solo ad una determinata tensione. I diodi schottky sono diodi con una bassa tensione di passaggio in avanti e indietro. I diodi sono talvolta chiamati anche raddrizzatori, perché possono essere utilizzati per convertire la tensione alternata in continua. Un raddrizzatore a ponte, ad esempio, è un componente costituito da 4 diodi che converte una tensione CA in una tensione CC.

TRANSISTOR FET

Un transistor ad effetto di campo o FET è un transistor unipolare con 3 connessioni, la sorgente, lo scarico e il gate. I FET sono spesso utilizzati per circuiti di amplificatori, Cmos-IC ma anche come relè elettronici.

RADDRIZZATORI

Un raddrizzatore è un circuito che converte una corrente alternata in una corrente continua. Questo avviene posizionando 1 o più diodi sulla tensione CA. In questo modo la tensione non può più cambiare. Per convertire una tensione CA in una tensione CC, sono necessari 4 diodi, che vengono applicati come mostrato in un riquadro a destra. Gli angoli del quadrato sono gli ingressi e le uscite. I diodi consentono la tensione solo su un lato; sul lato positivo se è positivo e sul lato negativo se è negativo.

 

COMPONENTI HF, EMC

I componenti HF e EMC sono principalmente filtri antidisturbo, nuclei ad anello e filtri antidisturbo. Questi componenti prevengono interferenze con altre parti di un circuito o con la rete elettrica.

 

IC- CIRCUITI INTEGRATI

Un IC, chiamato circuito integrato è un chip contenente vari componenti elettronici posti su materiale semiconduttore. Questo assicura che sia richiesto meno spazio su un circuito stampato, e rende la produzione più conveniente. I circuiti integrati sono utilizzati principalmente in circuiti di grandi dimensioni per risparmiare spazio sulla scheda.

 

LED - OPTOELETTRONICA 

Un LED è un componente in grado di emettere luce. L'abbreviazione sta per Light Emitting Diode (diodo emettitore di luce). Il colore del LED dipende dal materiale utilizzato. Come i diodi, i LED consentono alla corrente di fluire in una direzione ed emettono luce quando la corrente passa attraverso di essi. I LED sono disponibili in diversi colori e design. Ad esempio, vi sono LED cablati, LED SMD, LED a potenza più elevata e LED UV che emettono luce ultravioletta.

 

MICROCONTROLLORI E QUARZI 

Un Microcontrollore è un chip che è possibile programmare con il software per creare diverse applicazioni. Sono disponibili nelle versioni a 8, 16, 32 e 64 bit. Un microcontrollore è un chip chiuso contenente una CPU, la memoria per il programma (rom) di memorizzazione dei dati delle informazioni in entrata (RAM), I / 0 in e uscite, per la comunicazione con i sensori e per il controllo dei dispositivi periferici. I microcontrollori sono oggi utilizzati in molti prodotti di uso quotidiano, come il telefono cellulare, il forno a microonde o anche la lavatrice.  I Quarzi nel mondo dei componenti sono cristalli con i quali è possibile ottenere una frequenza costante. Questi possono essere utilizzati per filtrare una frequenza o per consentire a una frequenza più ampia di passare. Questi cristalli sono spesso collocati in un alloggiamento metallico, ma ci sono anche cristalli in miniatura in un alloggiamento di plastica. Alcune applicazioni dei cristalli sono ad esempio telefoni cellulari, computer, radio, ecc.

 

POTENZIOMETRI 

Un potenziometro viene utilizzato come resistenza variabile. Esistono diversi tipi di potenziometri, tra cui potenziometro rotativo, il potenziometro a scorrimento e il potenziometro moltiplicatore. La resistenza di questi contatori dipende dalla posizione in cui sono posizionati. I potenziometri sono disponibili nelle versioni logaritmica (dove la resistenza è logaritmica) e lineare (dove la resistenza è lineare). Poiché anche l'orecchio umano è logaritmico, questo tipo di potenziometro è spesso usato come manopola del volume.

 

REGOLATORI DI TENSIONE 

Un regolatore di tensione è un componente che assicura che la tensione rimanga costante, anche se la tensione di ingresso varia notevolmente, la tensione di uscita rimane costante. A causa di queste differenze di tensione, il componente può diventare molto caldo e si consiglia di utilizzare un dissipatore per il raffreddamento.

 

BOBINE E INDUTTANZE 

Le bobine vengono utilizzate per generare un campo magnetico. Questo viene fatto avvolgendo un filo conduttivo su una bobina, lasciando fluire la corrente attraverso di essa per generare un campo magnetico. Alcuni esempi in cui viene utilizzata una bobina sono, ad esempio, un relè in cui una bobina fa muovere i contatti, o un trasformatore in cui 2 bobine converte la tensione. Una induttanza è un componente con avvolgimenti di filo intorno a un nucleo di ferro dolce magnetizzabile. Questo assicura che si verifichi un autoinduzione, il che significa che le variazioni di potenza sono contrastate.

 

TRISTORI e TRIACS 

Un tiristore è un semiconduttore e si comporta come un diodo commutabile, che viene commutato da anodo a catodo ad una tensione di controllo. Questa tensione di controllo è un impulso che mantiene acceso il circuito.

 

Un triac è un doppio tiristore. Ciò garantisce che il triac sia in grado di gestire la tensione CA. Non c'è più un anodo o un catodo. Tuttavia esiste un gate che garantisce che la corrente possa fluire tra l'elettrodo 1 e l'elettrodo 2 a una tensione di impulso.

 

TRANSISTOR  

I transistor vengono utilizzati per amplificare i segnali elettronici. Il termine transistor è una combinazione di resistore di trasferimento. Un transistor è costituito da un cristallo semiconduttore con un alloggiamento sigillato e dispone di 3 connessioni.

I transistor possono essere suddivisi in due gruppi principali: transistor bipolari e FET.

I transistor bipolari sono di nuovo divisi in PNP (strato semiconduttore n tra due strati semiconduttori p) e NPN (strato semiconduttore p racchiuso da due strati semiconduttori n) transistor. P sta per positivo e N per negativo, che a sua volta si riferisce agli elettroni nel rispettivo strato.

 

RESISTENZE 

La resistenza è uno dei componenti passivi. Garantiscono che la corrente elettrica sia limitata per evitare cortocircuiti. La resistenza viene visualizzata in Ohm. Più alto è questo numero, più forte sarà la resistenza. Gli anelli colorati sulla resistenza indicano la forza della resistenza.