INVERTER

INVERTER

1 ott 2018

Inverter e convertitori da 12 a 230 Volt

 

Con un inverter è possibile convertire da 12 Volt a 230 Volt. In questo modo è possibile utilizzare attrezzature con una spina standard in auto, basta avere una presa accendisigari libera in auto.

Esistono tuttavia diversi tipi di inverter con caratteristiche diverse e progettati per diversi utilizzi. Per saperne di più su  Conversione da 12v a 230v,  Onda quadra o sinusoidale pura, Collegamento di un inverter e Inverter con USB continua a leggere!

1. Conversione da 12v a 230v

Come già detto, è possibile utilizzare un inverter per convertire una tensione di soli 12 Volt in una tensione superiore di 230 Volt. Perfetto per l'uso in auto, quando la tensione dell’auto non è sufficiente. A seconda del convertitore di tensione utilizzato sono possibili anche altre tensioni. Esistono anche inverter a 24 V, ad esempio, per l'utilizzo in autocarri. L'uso di un inverter può essere utile anche nel caravan, ma non approfondiremo questo aspetto in questo articolo.

Se guardiamo alla tecnologia, vediamo che la conversione della tensione più bassa (12v o 24v) in una tensione più alta si ottiene per mezzo di un cosiddetto inverter, tra le altre cose. Questo inverter (un semiconduttore) assicura che la tensione continua venga convertita in tensione alternata. Questa tensione alternata viene poi trasformata nella tensione di uscita desiderata, nella maggior parte dei casi 230V (precedentemente 220V).

2. Onda quadra o sinusoidale pura?

La maggior parte degli inverter emette tensione sotto forma di onda sinusoidale modificata o di onda quadra. In alcune applicazioni, tuttavia, questo segnale modificato non può essere utilizzato; in questo casi, l'inverter deve essere in grado di fornire un'onda sinusoidale pura. Per comprendere quanto sopra, è importante sapere come si presenta una tensione di 230 V AC "normale". La tensione AC in quasi tutti i paesi europei ha una frequenza di 50 Hz. Ciò significa che la tensione commuta 50 volte al secondo da una tensione negativa a una positiva (in altre parole, tensione alternata). Questa variazione avviene secondo uno schema sinusoidale, come mostrato nella figura seguente. Un oscilloscopio può essere usato per mostrare un tale andamento di eventi.

Un inverter ad onda sinusoidale pura emette la tensione nella stessa forma di una normale tensione di rete (come in una presa in casa). Tutte le apparecchiature funzioneranno con tale inverter.

Tuttavia, ci sono anche inverter che forniscono una tensione a forma quadra. La tensione assomiglia a una sinusoidale, ma è molto più quadrata nella forma. In alcuni casi questo non causerà alcun problema, ma alcuni dispositivi (come un computer portatile, una macchina da caffè o alcuni utensili) non funzioneranno con questa curva di tensione deviante.

Infine, c'è la cosiddetta sinusoidale modificata. Questa tensione si trova a metà strada tra una sinusoidale pura e un'onda quadra. Nella maggior parte dei casi, gli inverter con un'uscita di questo tipo funzionano con quasi tutte le apparecchiature. L'inverter con sinusoidale modificata è quindi quello più venduto. Se la forma d'uscita di un inverter non viene dichiarata esplicitamente, viene quasi sempre definita come sinusoidale modificata.

3. Collegamento di un inverter

A seconda della potenza massima, un inverter viene collegato all'accendisigari dell'automobile o direttamente alla batteria. L'accendisigari di un'automobile non deve essere caricato con più di 120 watt come regola generale. Una potenza leggermente più elevata non può fare grossi danni, ma è meglio non superare troppo questo valore. Un inverter con una potenza massima di 150 W può quindi essere collegato all'automobile tramite l'accendisigari. I 150 W possono essere forniti solo per un breve periodo di tempo (picco), quindi l'elettronica dell'auto non ne risente o ne risente solo in minima parte. Se si utilizza un inverter più potente (più di 150 Watt), è necessario collegarlo direttamente alla batteria. In questi casi viene fornito anche il cablaggio necessario.

La maggior parte degli inverter è inoltre dotata di un fusibile. In caso di sovraccarico, il fusibile dell'inverter causa l'interruzione della tensione e quindi non crea mai una situazione pericolosa.

4. Inverter con USB

Recentemente, gli inverter con una connessione USB aggiuntiva sono stati in aumento. Questi inverter possono essere utilizzati anche per ricaricare i dispositivi tramite un cavo USB. Questo li rende perfetti se si desidera caricare e / o utilizzare più dispositivi allo stesso tempo. Dopo tutto, l'inverter occupa già il collegamento dell'accendisigari. Un inverter con USB offre quindi spazio per un'utenza aggiuntiva.

 

Guarda tutti gli inverter disponibili