La legislazione europea sui droni è in vigore!

La legislazione europea sui droni è in vigore!

5 feb 2021

Il nuovo regolamento sui droni 2021

Alcuni anni fa, i modellisti e gli specialisti dell'elettronica hanno iniziato a sviluppare aereomodelli molto speciali. Le classiche ali che fornivano la portanza sono state sostituite da diverse eliche. Questi veicoli aerei senza equipaggio erano inizialmente chiamati "...cotteri", con il numero di eliche aggiunto per primo. I più comuni erano quadri-cotteri con quattro eliche. Ma c'erano già grandi esa-cotteri con sei o octo-copters con otto eliche.
Nel frattempo, però, i nomi dei sistemi aerei senza equipaggio sono passati sempre più spesso da elicotteri a droni.
La tecnologia divenne sempre migliore, permettendo di aumentare i carichi utili e i tempi di volo. Questo ha anche aumentato le possibilità di uso commerciale, quindi sempre più persone erano interessate ai veicoli aerei senza equipaggio.
E quando i prezzi sono scesi, il numero di droni in uso è esploso in pochissimo tempo.

Oltre al puro divertimento per il tempo libero, i sistemi aerei senza pilota (UAS) sono sempre più sviluppati e utilizzati per scopi commerciali e ufficiali. Per garantire il funzionamento sicuro dei droni ed escludere qualsiasi rischio per l'aviazione con equipaggio, è stato necessario elaborare delle regole per il loro utilizzo. A tal fine, un'ampia gamma di requisiti legali è stata stabilita a livello nazionale anni fa.

I requisiti del regolamento UE sui droni sono definiti con precisione nei due documenti.

Oltre alle già citate direttive europee sulla regolamentazione dei droni, ci sono anche requisiti specifici del paese che devono essere rispettati e perseguiti.

Istruzioni importanti

Non si tratta solo di droni!

Anche quando il termine regolamento sui droni è usato nel linguaggio comune, il regolamento copre tutti i sistemi aerei senza pilota (UAS). Di conseguenza, il regolamento si applica a tutti gli aeromodelli o elicotteri a pilotaggio remoto incorporati e interessati.

Ulteriori infomazioni:

Per ulteriori informazioni sui droni ENAC Ente nazionale per l'aviazione civile  Italiana

Assicurazione obbligatoria

L'assicurazione obbligatoria rimane in vigore. L'utilizzo di un velivolo senza pilota e controllato a distanza comporta alcuni rischi che spesso non sono coperti dall'assicurazione di responsabilità civile tradizionale. È quindi essenziale stipulare un'assicurazione supplementare adeguata. Anche se l'ordinanza sui droni permette il funzionamento senza ulteriori requisiti.

La nuova legge europea sui droni in poche parole

I fatti principali del nuovo regolamento UE sui droni:

  • Gli Unmanned Aircraft Systems (UAS) sono divisi in tre diverse categorie operative (aperti, speciali e soggetti ad approvazione).
  • La categoria aperta è divisa in sottocategorie A1, A2 e A3.
  • L'altitudine massima consentita è aumentata da 100 m a 120 m.
  • Introduzione di due nuovi certificati di competenza (classi A1 / A3 e A2) e il certificato di operatore (LUC).
  • Regolazione dei limiti di peso.
  • Registrazione remota dei piloti e trasmissione dell'identificazione (ID elettronico) a seconda della classe.
  • L'età minima per gli utenti è di 16 anni, ci sono eccezioni.
  • Il regolamento UE sui droni non si applica ai velivoli telecomandati destinati esclusivamente all'uso interno.

Date chiave del nuovo regolamento UE sui droni:

  • 01 gennaio 2021: Il regolamento UE sui droni si applica dal 31 dicembre 2020. La registrazione, se richiesta, dovrebbe avvenire ora.
  • Ulteriori dettagli disponibili qui
  • Dal 01 gennaio 2021 al 01 gennaio 2023: secondo la legislazione nazionale, le operazioni di volo nell'ambito di club e associazioni di modellismo possono continuare senza licenza.
  • Dal 01 gennaio 2022 al 30 giugno 2024: periodo di transizione per l'uso di veicoli aerei senza pilota senza classificazione. Abbiamo spiegato cosa significa in modo più dettagliato in questa sezione.

Le tre diverse categorie operative

Poiché ci sono oggetti volanti senza equipaggio in diverse dimensioni e per una vasta gamma di scopi, è stata fatta una divisione in tre categorie:

La categoria aperta

Non è richiesta alcuna autorizzazione, ma potrebbe essere richiesta la registrazione dell'utente.

Il peso al decollo deve essere inferiore a 25 kg.
Il modello deve essere fatto volare a vista.
Eccezione: sono utilizzati in modalità Follow me.

L'altitudine massima consentita deve essere rispettata.

Si deve mantenere una distanza di sicurezza dalle persone e non si deve sorvolare la folla di persone.

A seconda del rischio operativo, ci sono requisiti minimi, come portare un certificato di competenza.

La categoria speciale

La categoria speciale è per le applicazioni che non sono legalmente fattibili nella categoria aperta.

L'operatore UAS deve condurre una valutazione dei rischi prima dell'uso.

L'approvazione è necessaria per l'uso se l'operatore non possiede un certificato di operatore (certificato LUC) con i privilegi necessari.

In alternativa, una dichiarazione di funzionamento può essere presentata all'autorità competente se l'impiego è conforme a uno scenario standard definito.

Categoria per la quale è richiesta l'approvazione

La categoria che richiede l'approvazione o la certificazione è per applicazioni speciali nell'industria e nel trasporto.

I processi di licenza e certificazione richiesti sono necessari sia per l'UAS che per l'operatore/equipaggio.

Il funzionamento nella categoria soggetta ad approvazione può essere richiesto se la valutazione del rischio non permette il funzionamento nella categoria speciale.

Suddivisione della categoria aperta

La "categoria aperta" è divisa in tre sottocategorie A1, A2 e A3. La distinzione riguarda, tra l'altro, il volo vicino alle persone.

Assolutamente non consentito nella categoria aperta: volare sopra una folla o sopra persone.

Subcategoria A1:

In questa sottocategoria è anche possibile volare vicino alle persone. Tuttavia, non è permesso volare sopra riunioni di persone all'aria aperta e sopra persone non coinvolte dal volo stesso. Se ciò dovesse accadere, il sorvolo deve essere terminato il più presto possibile.

Subcategoria A2:

Quando si vola secondo la sottocategoria A2, si deve mantenere una distanza di almeno 30 m dalle persone non coinvolte. Quando si vola in modalità di volo lento, la distanza minima può anche essere di 5 m.

Subcategoria A3:

Questa categoria è per volare in presenza di persone non coinvolte. Nessuno è ammesso in tutta l'area di volo e si deve rispettare una distanza minima di 150 m dalle aree industriali, commerciali, residenziali e ricreative.

Classificazione dei sistemi aerei senza pilota

Oltre alle categorie operative, i droni e i modelli di volo sono anche divisi in diverse classi di droni (classi UAS). Ci sono sette diverse classi di droni da C0 a C6, dove il numero rappresenta una dichiarazione sul rischio di sicurezza. Più alto è il numero, maggiore è il rischio.
A seconda della classe in cui rientra il drone, devono essere soddisfatti diversi requisiti per poter volare.

Panoramica delle possibili applicazioni

Le diverse categorie operative e le classi di droni si traducono ora in possibili applicazioni che abbiamo riassunto nella seguente tabella. Tuttavia, ci siamo limitati alle caratteristiche essenziali delle diverse classi e alle relative classi.

Specifiche C0 C1 C2 C3 C4
Peso / energia < 250 g < 900 g/<80 J < 4 kg < 25 kg < 25 kg
Velocità massima 19 m/s = 68 km/h 19 m/s = 68 km/h - - -
Altitudine Max. 120 m      120 m o limite di altezza regolabile   120 m o limite di altezza regolabile     120 m o limite di altezza regolabile     120 m o a seconda del modello di aereo
Requisiti tecnici Direttiva giocattoli o <68 km / h, limite di altezza <68 km / h, restrizione di altitudine, atterraggio di emergenza alla perdita del segnale Limitazione di altitudine, atterraggio di emergenza in caso di perdita di segnale, modalità a bassa velocità, punti di fuga predeterminati Limitazione di altitudine, atterraggio di emergenza in caso di perdita di segnale, modalità a bassa velocità, punti di fuga predeterminati Nessun controllo automatico consentito
È necessaria la registrazione del pilota Si o no per i droni con telecamera Si Si Si Si
Competenza dei piloti a distanza Leggere le istruzioni per l'uso Leggere le istruzioni, certificato di competenza UE A1 / A3 Leggere le istruzioni per l'uso, certificato di competenza UE A1 / A3, certificato di pilota a distanza A2 Leggere le istruzioni, certificato di competenza UE A1 / A3 Leggere le istruzioni, certificato di competenza UE A1 / A3
Necessaria l'identificazione a distanza No No  
Richiesto l'allarme GEO No No
Uso nella categoria aperta A1 = volo su persone A1 = volo su persone A2 = volo vicino alle persone, A3 = volo lontano dalle persone A3 = Volo lontano dalle persone A3 = volo lontano dalla gente

Spiegazione dei termini della tabella

Registrazione del pilota
Qualsiasi utente o pilota remoto di un UAS deve essere registrato presso l'autorità competente. A meno che l'aereo non sia più leggero di 250 grammi e non abbia sensori per catturare dati personali (telecamera). 

Competenza del pilota
Se devono essere utilizzati degli UAS di classe C1 o superiore, l'utente dovrà ottenere il certificato di competenza dell'UE. A tal fine, le autorità competenti degli Stati membri creeranno portali online dove gli utenti potranno familiarizzare con i contenuti necessari e anche sostenere l'esame online di 40 domande.

Identificazione a distanza
Nel caso dell'identificazione a distanza, vengono trasmessi il numero ID del pilota remoto, il numero di serie dell'UAS, la marca temporale, la posizione geografica, l'altitudine sopra il punto di decollo e altre informazioni. Le informazioni possono poi essere lette con un'applicazione adatta su uno smartphone. C'è ancora un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2022 per l'attuazione di questo regolamento. Il regolamento sarà obbligatorio dal 01/01/2023.

Geo-consapevolezza
La geolocalizzazione o la geo-awareness è una caratteristica in cui l'UAS riconosce automaticamente i confini dello spazio di volo. Il pilota del drone viene avvisato in modo da poter intervenire efficacemente contro le violazioni dei confini.

Operazioni con velivoli senza pilota senza classificazione

Anche se il nuovo regolamento UE sui droni è in vigore dal 1 gennaio 2021, ci sono ancora droni e aeromodelli venduti che non sono classificati. Il regolamento dell'UE dà informazioni chiare su questo: I tipi di UAS immessi sul mercato prima del 01.01.2023 che non sono classificati possono essere utilizzati nella categoria aperta A1. A condizione che pesino meno di 250 g compreso il carico utile. I tipi di UAS che pesano 250 g o più ma sono più leggeri di 25 kg possono essere utilizzati nella categoria aperta A3.
I permessi, i certificati e le dichiarazioni esistenti sono ancora validi fino al 01.01.2022.

Regime transitorio

Secondo il regolamento dell'UE sui droni, c'è una disposizione transitoria per i sistemi aerei senza equipaggio esistenti. Poiché le licenze operative esistenti sono valide per un anno dopo il 1° gennaio 2021, il regolamento transitorio entrerà in vigore dal 1° gennaio 2022 e durerà 30 mesi. Il periodo di transizione terminerà il 30/06/2024.

Secondo questo regolamento transitorio, gli aerei senza pilota, se hanno una massa al decollo inferiore a 500 grammi, possono anche volare nella classe aperta A1. Tuttavia, se persone non coinvolte sono inaspettatamente sorvolate, il sorvolo deve essere il più breve possibile.

Gli aerei senza pilota più leggeri di 2 kg possono essere utilizzati nella classe aperta A2. La distanza minima dalle persone deve essere di 50 m e il pilota del drone deve avere il certificato di competenza UE A1 / A3 e il certificato UE per i piloti a distanza A2.

 

Per una migliore visione d'insieme abbiamo elencato le diverse classi di peso:

Dati importanti Uso nella categoria "Open". Competenze UE A1 / I Certificato di pilota a distanza UE A2
Meno di 250 g e fino a 68 km/h A1 No, ma è raccomandato No
Meno di 500 g A1 Sì, dal 01.01.2023 No
Meno di 2 kg e più vicino di 150 m a zone residenziali o commerciali A2 Si Si
Meno di 25 kg e più di 150 m da zone residenziali o commerciali A3 Si No

Informazione importante!

Se un aeromobile con un peso massimo al decollo (massa massima al decollo = MTOM) compreso tra 2 kg e meno di 25 kg deve essere utilizzato a una distanza inferiore a 150 m da zone residenziali o commerciali, ciò è possibile solo nella categoria speciale con i requisiti corrispondenti.

Naturalmente, i requisiti di assicurazione e registrazione già menzionati si applicano anche ai modelli esistenti, siano essi droni, elicotteri o aerei.

Effetti sui modelli esistenti

Abbiamo elencato qui alcuni droni come esempi per mostrare come possono continuare ad operare durante il periodo di transizione e oltre. Poiché solo il peso al decollo è un fattore, qualsiasi altro aereo esistente può essere facilmente assegnato.

DJI Mavic Mini, DJI Mavic Mini 2 of Ryze Tech Trello
Poiché questi droni hanno un peso al decollo inferiore a 250 grammi, è richiesta solo l'assicurazione e, a causa della telecamera incorporata, la registrazione.

Papegaai Anafi, DJI Spark of DJI Mavic Air 1
Per i droni nella classe di peso da 250g a < 500g il certificato UE A1 / A3 è richiesto in aggiunta all'assicurazione e dal 01.01.2023 in poi. Dopo la scadenza del regime transitorio il 30.06.2024 l'operazione è possibile solo nella categoria aperta A3.

DJI Mavic 2 Pro, DJI Mavic Air 2, Yuneec Mantis G, DJI Enterprise Phantom of Yuneec Typhoon H Plus
Per i droni nella classe di peso da 500 g a <2 kg, sono necessari l'assicurazione, la registrazione e la licenza UE A1 / A3 e il certificato di pilota di lunga distanza UE A2. La distanza orizzontale minima dalle persone deve essere di 50 m. Dopo la scadenza del regime transitorio il 30 giugno 2024, il funzionamento è possibile solo nella categoria aperta A3.

DJI Inspire of DJI Matrice M600 Pro
Poiché questi elicotteri pesano più di due e meno di 25 kg, possono essere utilizzati solo nella categoria aperta A3 o nella categoria speciale, a seconda del luogo.

Il nuovo regolamento UE copre anche gli aeromodelli telecomandati e gli elicotteri telecomandati. Per i piloti di modelli che esercitano il loro hobby all'interno di un'associazione e in un campo di volo riconosciuto, non cambierà molto.

Dal momento che operare sui campi di volo dei modelli è considerato molto sicuro, le varie associazioni e club hanno la possibilità di richiedere la propria licenza operativa e le autorizzazioni.

Dopo di che, il volo dei modelli può continuare ad essere condotto secondo le linee guida e le specifiche esistenti. La maggior parte dei modelli, anche se non classificati, sono gestiti nella classe C4 e nella categoria aperta A3.

Poiché l'applicazione e l'approvazione della licenza d'esercizio richiederanno un po' di tempo, le operazioni di volo nei campi di volo per aereomodelli possono ancora essere condotte senza una licenza durante il periodo di transizione fino al 1° gennaio 2023. Le associazioni hanno anche la possibilità di registrare i loro membri collettivamente, in modo che ogni singolo membro non debba farlo da solo.

I piloti di aereomodelli che non appartengono a un'associazione e che non volano in un campo di volo approvato devono rispettare le norme più severe del regolamento UE quando esercitano il loro hobby. In questo caso, per esempio, l'altezza massima di volo è limitata a 120 m.

Domande frequenti sul regolamento UE sui droni

Posso continuare a far volare il mio drone non classificato dopo il 1° gennaio 2021?
Sì, si può certamente continuare a far volare il drone. Ci sono accordi transitori speciali che si occupano di questo. A seconda del peso del drone, dipende da quale categoria della classe aperta si è autorizzati a volare. Tuttavia, potrebbe essere necessario ottenere un certificato di conoscenza o un nuovo certificato di competenza da una delle istituzioni approvate.

Cosa significano le licenze per piccoli e grandi droni?
Il certificato di conoscenza secondo il §21e del regolamento del traffico aereo è chiamato anche licenza per piccoli droni o licenza di pilota aereomodello.
Il certificato di conoscenza secondo il §21d del regolamento del traffico aereo è anche chiamato licenza per grandi droni.

Cosa succede alla mia vecchia licenza nazionale per droni?
Secondo le leggi dell'UE sui droni, sia la licenza di guida per droni che il certificato di conoscenza rimangono validi per un anno. Dopo di che, la licenza per droni e il certificato di conoscenza sono sostituiti dal certificato di competenza UE A1 / A3 o dal certificato di pilota a lungo raggio UE A2. La prova di competenza può essere ottenuta di solito da agenzie riconosciute dopo aver completato un corso online. Per altre domande è possibile fare riferimento a ENAC.

Quali sono le regole per volare su un pendio?
Quando si vola con droni su pendii, si deve sempre mantenere una distanza massima di 120 m dal punto più vicino del terreno. Se il modello di aliante compreso il carico utile è inferiore a 10 kg (Maximum Take-Off Mass = MTOM), può anche essere portato ad una distanza maggiore da terra. A condizione che in nessun momento si superi l'altezza sopra il pilota ad una distanza di 120 m.

Cosa si intende per UAS di "produzione privata"?
Il produttore deve classificare un velivolo senza pilota solo se è un sistema completo con tutti i componenti necessari, come il modello, la trasmissione e il controllo remoto. Anche se il sistema viene consegnato come kit e deve prima essere assemblato dall'operatore. Se l'operatore compra solo il modello e poi adatta il telecomando o i componenti di propulsione esistenti, il modello è considerato di "produzione privata". Se il modello pronto al volo, compresa la batteria, è più leggero di 250 g, può essere utilizzato come modello di classe C0 nella sottocategoria A1. Se il modello è più leggero di 25 kg, può essere utilizzato come un modello di classe C4 nella sottocategoria A3.

Articoli più recenti

Quale batteria mi serve?

26 mar 2021

Quale batteria mi serve?

CONNETTORI USB DI RENKFORCE

26 mar 2021

CONNETTORI USB DI RENKFORCE

Nuove etichette energetiche UE 1° marzo 2021

8 mar 2021

Nuove etichette energetiche UE 1° marzo 2021

I Prodotti a Marchio Conrad quasi completamente privi di imballaggi in plastica

19 feb 2021

I Prodotti a Marchio Conrad quasi completamente privi di imballaggi in plastica

Batterie di tutte i formati e dimensioni

12 feb 2021

Batterie di tutte i formati e dimensioni

Eco Runner Team

29 gen 2021

Eco Runner Team

Delft Hyperloop

28 gen 2021

Delft Hyperloop

Ordine in officina con Toolcraft

20 gen 2021

Ordine in officina con Toolcraft

Rilevare i problemi negli impianti e nelle macchine prima che si guastino

5 gen 2021

Rilevare i problemi negli impianti e nelle macchine prima che si guastino

Standard Qi - per la ricarica induttiva.

19 nov 2020

Standard Qi - per la ricarica induttiva.