Conrad Electronic distribuisce i moduli I/O di TDE Instruments

Conrad Electronic distribuisce i moduli I/O di TDE Instruments

7 gen 2020

Rispetto ai sistemi di I/O precedenti, che richiedono un circuito di controllo separato per ogni tipo di I/O, i moduli di interfaccia della serie M5S presentano uno schema di connessione universale. Gli utenti possono quindi coprire una varietà di applicazioni con un unico circuito universale, realizzare configurazioni di ingressi e uscite in base alle specifiche dei clienti collegando i moduli corrispondenti e persino aggiungere ulteriori moduli o funzioni ai dispositivi già installati sul campo. Non è necessario modificare il cablaggio interno o esterno.

Tutti i moduli M5S misurano 5 mm x 12,7 mm x 20 mm (profondità x altezza x larghezza), e ciò li rende compatibili con i connettori standard SIP da 5 mm (ad esempio, con i relè Panasonic). I moduli sono facilmente intercambiabili, completamente sigillati, impermeabili, ignifughi e antipolvere.

I moduli di interfaccia M5S stabiliscono un collegamento tra l'elettronica e il mondo dei segnali industriali.

Starter kit ZDAuto MIO-UNO (per Arduino)

Starter kit ZDAuto Raspberry Pi

 

"I moduli I/O della serie M5S possono essere utilizzati in un vasto numero di applicazioni potenziali", afferma Christian Seidel, Responsabile Sviluppo e Direttore Generale di TDE Instruments. "I moduli semplificano la vita a qualsiasi sviluppatore che desideri collegare i propri dispositivi elettronici con i segnali industriali."

I dispositivi di interfaccia modulari sono su misura per le esigenze dei produttori di sistemi di controllo industriali e di controllori logici programmabili (PLC) e degli sviluppatori di circuiti e di prototipi, e si rivolgono anche agli sviluppatori su piccola scala e al mondo dei maker.

"Gli sviluppatori che scelgono i moduli della serie M5S possono ridurre i costi di sviluppo, i tempi di progettazione e di realizzazione dei sistemi e il time-to-market, in quanto è necessario un solo circuito per tutte le funzioni", spiega Alexander Kastner, Responsabile di Prodotto presso Conrad Electronic. "Inoltre, l'uso dei moduli di interfaccia riduce i costi di manutenzione, in quanto i singoli moduli possono essere facilmente sostituiti, ad esempio, in presenza di un difetto. Un altro vantaggio per gli utenti è dato dai bassi costi di magazzino dal momento che, ad esempio, un'unità di base universale non subisce personalizzazioni fino a quando non viene consegnata al cliente."

La serie M5S comprende quattro moduli di ingresso digitali che rilevano gli stati di commutazione, gli impulsi o i segnali encoder, con isolamento galvanico tramite optoaccoppiatore e uscita a collettore aperto, oltre a quattro moduli di uscita digitali per il controllo di relè, lampade, segnalatori acustici o altri dispositivi di segnalazione. In base al modello, i moduli con uscita digitale sono disponibili con relè, relè allo stato solido o uscita a transistor con isolamento galvanico.

I quattro moduli di ingresso analogici della serie M5S sono progettati per l'acquisizione dei segnali analogici in uscita dei potenziometri, dei sensori di temperatura e di altri dispositivi che generano segnali in corrente e in tensione. I moduli sono adatti sia per i segnali isolati che per quelli non isolati.

Gli utenti che hanno necessità di controllare i regolatori di velocità, le centraline di riscaldamento e altri apparecchi di misura della tensione o della corrente possono fare affidamento sui quattro moduli di uscita analogici della serie M5S con segnali analogici standard da 10 V e da 20 mA.

Scopri tutta la gamma ►