Sei un cliente commerciale?
Questa impostazione regola la gamma di articoli e i prezzi in base alle tue esigenze.
No
    Lista
    Griglia
    Preferisci la vista a elenco? Basta cambiare da qui.
    Preferisci la vista a griglia? Basta cambiare da qui.

    Consulente

    Resistori e resistenze sono elementi fondamentali per un circuito; se cerchi un rivenditore affidabile e puntuale, Conrad è la soluzione che fa per te. Grazie alla struttura del nostro negozio, pensata per rendere semplice e veloce la ricerca di resistori e di resistenze, la vendita diventa uno strumento particolarmente efficiente. Filtra i risultati e trova subito il tipo di resistenza più adatta alle tue esigenze.

     

     Contenuti tradotti automaticamente.
     

     

     

    Vale la pena conoscere le resistenze

    Supponiamo di voler far funzionare un LED con una tensione continua di 12 V. Tuttavia, il LED indica che è progettato solo per una tensione di 2,1 V. Per evitare che il LED si bruci subito dopo averlo collegato, è necessario collegare un componente a monte che realizza una resistenza ohmica: una resistenza Ma che cosa è esattamente una resistenza e come funziona? Le informazioni più importanti e gli articoli corrispondenti sono disponibili di seguito:

    • Che cos'è una resistenza?

    • Quali tipi di resistenza sono disponibili?

    • Quali sono le tecnologie di fissaggio disponibili?

    • Esempio di calcolo di una resistenza elettrica

    • Domande frequenti: Le domande più frequenti sulle resistenze


    Che cos'è una resistenza?

    Una resistenza è un componente passivo a due poli che viene utilizzato molto spesso nell'ingegneria elettrica.in ogni circuito elettronico Con il suo aiuto è possibile regolare in un circuito il rapporto tra la tensione applicata e l'intensità di corrente. La resistenza elettrica viene misurata in Ω (Ohm) e, per lo più, abbreviata con la lettera R maiuscole (inglese: resistance).

    Ecco il video di YouTube
    Segnale di commutazione

    Segnale di commutazione di una resistenza

    Un circuito può anche contenere più resistenze. È quindi necessario distinguere se le resistenze sono collegate in parallelo o in serie. A seconda della disposizione, la corrente e la tensione si distribuiscono in modo diverso tra le resistenze!

    Con un clic su questo link potrete ottenere maggiori informazioni sui circuiti con resistenze

     

    Quali tipi di resistenza sono disponibili?

    Le resistenze lineari seguono la legge di Ohm, cioè la tensione applicata (U) è direttamente proporzionale alla corrente passante (I). Per contro, nel caso di resistenze non lineari (chiamate anche resistenze dipendenti dai parametri) il valore di resistenza (R) dipende da altri parametri come la temperatura o l'incidenza della luce.

    Resistenze lineari

    Linea caratteristica di resistenza esemplare per resistenze lineari: U e I sono direttamente proporzionali l'una all'altra

    Le resistenze lineari includono:

    • Resistori a strato
    • Scaricatore di sovratensione
    • Resistori di potenza
    • Reti resistive
    • Resistenza a filo
    Resistenze non lineari

    Linea caratteristica di resistenza esemplare per resistenze non lineari: U e I non sono direttamente proporzionali l'uno all'altro

    Le resistenze non lineari includono:

    • Conduttore caldo (termistori NTC)
    • Conduttore a freddo (termistori PTC)
    • Varistori

    Resistenze lineari

    Resistori a strato

    Un resistore a foglio è costituito da uno strato protettivo , uno strato resistivo e due conduttori. A seconda del materiale dello strato di resistenza sono presenti resistenze a strato di carbone e resistenze a strato metallico. Le resistenze a strato di carbone sono particolarmente adatte per il campo ad alta frequenza. Le resistenze a strato metallico possono essere rifinite con grande precisione e hanno una tolleranza ridotta.

     Resistenza a strato metallicoResistenza a strato di carbone
    Differenza tecnica 

    Più resistente

    Tende a ridurre la tolleranza, in questo modo sono più precisi.

    Non dipendente dalla temperatura, ma la resistenza
    diventa leggermente più alta quando il calore aumenta.

    Meno carico

    Maggiore tolleranza, in questo modo sono meno precisi.

    Quando il calore aumenta, la resistenza diminuisce.

    Viene utilizzato soprattutto nell'ambito delle alte frequenze.

    Differenza ottica

    Rivestimento blu o verde

    5 o 6 anelli colorati

    Rivestimento color ocra

    4 anelli colorati

    Resistenza a strato metallico

    Resistenza a strato metallico con rivestimento blu e 5 colori

     
    Resistenza a strato di carbone

    Resistenza a strato di carbone con rivestimento color ocra e 4 colori

     

    Questo è il significato del codice colore sulle resistenze

    Se si codifica il codice colore, è possibile calcolare e determinare il valore della resistenza (in Ohm). Con l'aiuto di un massimo di sei anelli colorati in modo diverso è possibile leggere comodamente tutti i dati di resistenza rilevanti da una tabella di codici colore.

    I primi due o tre anelli forniscono il valore della resistenza. Il quarto anello colorato vi dice per quanto dovrete ancora moltiplicare il risultato. Ad esempio, se i colori dei primi quattro anelli sono arancione, rosso, blu e marrone, il valore è 326×10 Ω = 3,26 kΩ (kilo-ohm). Importante è anche la tolleranza indicata nel quinto anello. A seconda del tipo di resistenza, le tolleranze vanno dallo 0,1 al 10 percento. Se siete alla ricerca di un componente con un valore di resistenza estremamente preciso, è necessario rispettare i colori verde, blu e viola. Il sesta anello indica il coefficiente di temperatura.

    Resistenze a strato metallico

    Resistenze a strato metallico con 4 o 5 colori.

    I valori esatti sono disponibili nella tabella dei codici colore corrispondente.

    Inoltre, ogni resistenza è dotata di un'indicazione della sua capacità di carico massima. La potenza che converte una resistenza tecnica in calore si calcola secondo la formula P = U∙I . (Con corrente alternata si utilizzano i valori effettivi). I valori di corrente e tensione applicata alla resistenza devono essere sempre tali che il prodotto non superi la sua capacità di carico massima. In caso contrario, la resistenza si rompe.

    Tabella codice colore resistenza per resistenze con 5 anelli

     Anello 1Anello 2Anello 3Anello 4Anello 5
    nero000--
    marrone111x 101%
    Rosso222x 1002%
    Arancione333x 1.000-
    Giallo444x 10.000-
    Verde555x 100.0000,5 %
    Blu666x 1.000.0000,25%
    Viola777x 10.000.0000,1 %
    grigio888--
    bianco.999--
    Oro---x 0,15 %
    Argento---x 0,0110%

    Tabella codice colore resistenza per resistenze con 4 anelli

     Anello 1Anello 2Anello 3Anello 4
    nero00--
    marrone11x 101%
    Rosso22x 1002%
    Arancione33x 1.000-
    Giallo44x 10.000-
    Verde55x 100.0000,5 %
    Blu66x 1.000.0000,25%
    Viola77x 10.000.0000,1 %
    grigio88--
    bianco.99--
    Oro--x 0,15 %
    Argento--x 0,0110%

    Semplice determinazione della resistenza grazie a un Vitrometro 

    Vitrometer

    Determinare la resistenza con un Vitrometro.

    Dopo aver confrontato il codice colore con l'orologio a resistenza, è possibile leggere facilmente il valore della resistenza.

    Con il Vitrometro di Conrad Components è possibile leggere i codici a colori a 5 e 6 vie.
    L'altro orologio a resistenza aiuta a decodificare codici a colori a 4 o codifiche a 5 colori.
    Entrambi i Vitrometri possono essere utilizzati per leggere le file E 6, E 12, E 24, E 48 ed E 96.

     

    Scaricatore di sovratensione

    Scaricatore di sovratensione

    Con questi componenti, che sono costituiti principalmente da una resistenza, è possibile proteggere i dispositivi elettrici e i cavi da sovratensioni pericolose. Gli scaricatori di sovratensione riempiti di gas sono noti come scaricatori a gas.

    Funzionamento:

    Se viene superata la tensione ammissibile che passa attraverso il conduttore di sovratensione, il gas ionizza e forma un arco conduttivo. La sovratensione viene così scaricata.

    Cifre chiave:

    • Tempo di risposta: Durata dell'evento fino all'uscita del segnale (può essere di alcuni nanosecondi)
    • Corrente di dispersione nominale: Correnti che fluiscono verso il conduttore di protezione

    Ambiti di impiego:

    • Per la protezione di componenti e impianti elettronici
    • Per la protezione di componenti e impianti di telecomunicazione
    • Fusibili NH per bassa tensione in distribuzione di corrente e telecomunicazioni
     

    Resistori di potenza

    Resistenza a filo in alloggiamento

    Le resistenze di potenza sono resistenze che possono portare a una maggiore potenza. Nell'elettronica, le resistenze con più di 0,5 W sono chiamate resistenze di potenza. Spesso viene utilizzato anche il termine resistenza ad alto carico. La caratteristica delle resistenze di potenza è che spesso sono dotate di dissipatori di calore o elementi refrigeranti. L'alloggiamento in alluminio o le superfici dissipative di calore contribuiscono anche a una migliore dissipazione del calore. Queste diverse forme fanno sì che le resistenze di potenza possano apparire molto diverse.

    Ambiti di impiego:

    • Resistenze di riscaldamento
    • Resistenze di scarica
    • Resistenze di protezione
    • Limitazione di corrente o tensione
    Resistenza di potenza

    Resistenza a strato metallico con filo assiale.

    Alle resistenze di potenza

    Reti resistive e filo di resistenza

    Per risparmiare sui componenti, è possibile utilizzare reti o fili di resistenza.

    Le reti contengono più resistenze contemporaneamente. In questo modo è possibile ridurre il numero di componenti utilizzati nel dispositivo elettrico.

    È anche possibile acquistare resistenza su rolle: sui fili di resistenza viene indicato il valore della resistenza per metro di filo. I fili raggiungono un'età elevata senza perdita di resistenza e sono molto resistenti. Tuttavia, sono adatti solo per applicazioni che richiedono un valore di resistenza preciso.

     
     

    Resistenze non lineari

    Termistori (resistenze dipendenti dalla temperatura)

    I termistori sono definiti dal fatto che il valore della resistenza dipende dalla temperatura. Si devono distinguere due diversi comportamenti di temperatura che si comportano esattamente in modo speculare l'uno rispetto all'altro. Da un lato questi sono i conduttori a caldo e dall'altro i conduttori a freddo. La dipendenza dalla temperatura dei termistori è riconoscibile nelle schede tecniche mediante formule, linee caratteristiche o tabelle. Inoltre, prima di acquistare il termistore, è necessario essere chiari su quale mezzo (ad es. Vuoto, aria in flusso, liquido, ecc.) Si desidera utilizzare il componente. La scelta del supporto modifica il valore di conduzione del calore del termistore. 

    Vantaggi dei termistori:

    • Economico
    • Possibilità di modelli molto piccoli
    • Ampia gamma di valori nominali
    • Forte dipendenza dalla temperatura del valore della resistenza
    • Sensori di temperatura
    Termistori

    Conduttore caldo (NTC)

    Termistori

    Conduttore a freddo (PTC)

    Conduttore caldo (termistore NTC)

    I conduttori a caldo hanno un coefficiente di temperatura negativo (NTC). Ciò significa che con l'aumento della temperatura la resistenza diminuisce. La temperatura può essere dipendente dalla temperatura ambiente o dall'auto-riscaldamento del dispositivo.
    I conduttori a caldo sono realizzati in materiali ceramici a base di ossido di metallo.

    Ambiti di impiego:

    Rilevamento della temperatura
    conduttore caldo eccellente per rilevare la temperatura ambiente. Si misura la temperatura e si fornisce un valore di resistenza valutabile.

    Il tempo di ritardo
    viene utilizzato per sfruttare il riscaldamento autonomo delle resistenze. Quando la corrente passa attraverso il conduttore caldo, il componente si riscalda dopo un certo tempo. Con l'aumentare della temperatura, il valore della resistenza diminuisce, con un determinato valore si può ottenere un impulso di uscita, in quanto la corrente può scorrere liberamente.

    I sensori
    a filo caldo vengono utilizzati anche come sensore, ad esempio, per rilevare l'altezza di un livello di liquido. Ciò è possibile, in quanto hanno diversi valori di resistenza in diversi mezzi (acqua, aria, ecc.).

     

    Conduttore a freddo (termistore PTC)

    I conduttori a freddo hanno un coefficiente di temperatura positivo (PTC). Ciò significa che con l'aumento della temperatura la resistenza aumenta. La temperatura può essere dipendente dalla temperatura ambiente o dall'auto-riscaldamento del componente. I conduttori a freddo sono realizzati in materiali ceramici a base di titanio

    Ambiti di impiego:

    Sensori di temperatura per condizioni grossolane
    I termistori PTC possono essere utilizzati per la misura della temperatura. Tuttavia, sono meno precisi rispetto ai conduttori a caldo. I valori emessi sono "troppo caldi", "normali" o "troppo freddi".

    Monitoraggio della temperatura
    per poter fungere da circuito di monitoraggio della temperatura o da circuito di protezione da sovratemperatura, i conduttori a freddo vengono installati direttamente nel percorso di corrente da proteggere. Questo è il caso, ad esempio, di trasformatori o motori. Se la temperatura è troppo elevata, i conduttori a freddo riducono il flusso di corrente o addirittura disattivano completamente la configurazione.

    Sfruttamento del riscaldamento autonomo
    , ad esempio, il riscaldamento autonomo dei conduttori a freddo viene sfruttato per la limitazione di sovracorrente, il ritardo o il passaggio di impulsi di corrente. Il conduttore freddo viene riscaldato dal flusso di corrente e aumenta la resistenza. Il flusso di corrente è limitato.

     

    Varistori

    Varistori

    In caso di varistore, il valore della resistenza può essere regolato in modo variabile con l'aiuto della tensione applicata. Con l'aumentare della tensione, il valore della resistenza diminuisce. Per questo motivo si chiama anche Voltage Dependent Resistor (VDR). I varistori sono realizzati principalmente in ossido metallico ( MOV). Tra i singoli grani di ossido di zinco (microstruttura cristallina) gli strati di blocco ad alta resistenza formano una rete di circuiti in serie e in parallelo. Se la tensione viene superata, gli strati barriera vengono rimossi e il varistore diventa a bassa impedenza. Questa tensione di soglia dipende dal tempo di sinterizzazione e dalla temperatura.

    Cosa fare per scegliere il varistore:
     

    • Tensione d'esercizio massima ammissibile: Tensione massima che può essere costantemente richiesta
    • Tensione varistore: Tensione elettrica presente quando passa 1 mA
    • Livello di protezione (tensione di risposta): Caduta di tensione a correnti > 1 mA; livello di protezione massimo = tensione massima che può essere generata
    • Corrente di dispersione massima: Corrente che può scorrere al massimo quando è presente la tensione di esercizio massima consentita

    Quali sono le tecnologie di fissaggio disponibili?

    Resistenze SMD

    Tutti i tipi di resistenze sono disponibili anche come resistenze SMD. La differenza sta nel tipo di fissaggio: Le resistenze mostrate in precedenza vengono fissate al circuito stampato tramite la tecnologia THT (Through Hole), mentre le resistenze SMD vengono montate tramite la tecnologia SMT (Surface-Mounted-Technology). In questo modo non ci sono fili di collegamento. Le resistenze SMD sono resistenze miniaturizzate che vengono fissate direttamente sul circuito stampato. Ci sono resistenze SMD rotonde (MELF) e cuboidi (chip).


    Vantaggi:

    • Grazie alle dimensioni ridotte, è adatto per l'uso in piccoli dispositivi elettrici
    • Gli induttori che si formano nei fili di collegamento vengono eliminati
    Resistenza SMD rotonda

    Una resistenza SMD rotonda è anche chiamata MELF

    Resistenza SMD a forma di parallelepipedo

    Un resistore SMD a forma quadra è invece chiamato CHIP.

     

    Resistenze THD

    Le resistenze elaborate >1> da THT sono offerte con connessioni diverse:

    • Collegamento a vite (immagine a sinistra)
    • Cablaggio radiale (immagine media)
    • Cablaggio assiale (immagine a destra)
       

    A seconda del circuito specifico, uno dei collegamenti può essere più o meno adatto.

    Collegamento a vite

    Resistenza per tubo con collegamento a vite

    Cablaggio radiale

    Resistenza ad alto carico con cablaggio radiale

    Assiale

    Resistenza assiale cablata

     

    Esempio di calcolo di una resistenza

    Schema elettrico

    Lo schema elettrico mostra la posizione di uscita della resistenza da calcolare.

    Nell'esempio della lampada a LED (2,1 V) di cui si è parlato all'inizio, è ora possibile esercitarsi su come calcolare in modo specifico una resistenza in serie. Si presume che il LED debba funzionare con una tensione di esercizio di 12 V con una corrente di 20 mA. Lo schema elettrico qui accanto mostra la posizione di uscita.

    In base alla regola di addizione per le resistenze commutate in serie, la resistenza pilota R deve intercettare una tensione di UR = 9,9 V con una corrente di 0,02 A. Secondo la legge di Ohm UR = R∙I, questo corrisponde a un valore di resistenza di R = 495 Ω. La resistenza in serie deve avere almeno questo valore, in modo che il LED non si bruci.

    Serie E.

    Le resistenze non sono acquistabile con qualsiasi valore, ma solo in una determinata griglia, chiamata serie di resistenze o anche serie E. La serie E3 contiene, ad esempio, 24 valori consentiti tra 1 Ω e 47 MΩ. Il numero dietro l'E è strettamente collegato all'intervallo di tolleranza della resistenza. Ad esempio, la serie E96 è comune per resistenze con tolleranza dell'1%.

    Con questo link potrete ottenere informazioni dettagliate sulle serie E.

    In base alla tolleranza che si pretendono per la resistenza in serie, è ora possibile scegliere la resistenza più grande successiva nella serie E corrispondente. Nella serie E12 questo sarebbe il valore di resistenza di 560 Ω. Nella serie E24 si ha un valore di 510 Ω. E nella serie E96, con 499 Ω si potrebbe avvicinarsi al valore calcolato.
    Se siete già pronti: Quale potenza deve essere la resistenza per proteggere in modo efficace il vostro LED? Dalla formula P = U∙I si ottiene direttamente il valore 9,9 V ∙ 0,02 A = 0,198 W. quindi, se si seleziona una resistenza con una capacità di carico massima di 0,25 W, si è al sicuro.

    Formula

    Potenza = tensione * amperaggio

     

    Quando si seleziona la resistenza, quali dati è necessario prestare attenzione?

    • Rated Current (corrente nominale): Corrente assorbita, se la resistenza è alimentata con tensione nominale e la potenza nominale è in uscita
    • Corrente di saturazione (corrente di saturazione): L'aumento della tensione elettrica non provoca un aumento della corrente
    • Potenza nominale (potenza nominale): Massima potenza continua in cui la resistenza può essere utilizzata senza danni
    • Rated Resistance (resistenza nominale): È il valore di resistenza del componente
    • Tolleranza: Deviazione massima consentita dalla resistenza nominale
    • Capacità di dispersione: Picco di corrente massimo che il componente deve resistere una volta, altrimenti viene distrutto

     

    Cosa sono le resistenze di massa e come si differenziano dalle resistenze a strato?

    Le resistenze di massa sono tra i tipi di resistenza più vecchi. In linea di principio sono costituiti da un pezzo di materiale mal conduttivo (ad esempio carbone), dotato di due collegamenti. Grazie alla loro struttura semplice, le resistenze di massa presentano un forte rumore. Inoltre, il suo effetto è altamente non lineare. Al contrario, nelle resistenze a strato viene utilizzato solo un sottile strato di materiale mal conduttivo. In questo modo è possibile controllare le caratteristiche della resistenza in modo molto più preciso.

    Resistenza di massa

    I meccanica per auto spesso usano il termine "resistenza di terra" come sinonimo di resistenza di contatto delle prese delle lampade per auto. Ad esempio, se una luce si accende di meno, si dice che il portalampada è una resistenza di massa. Ciò si ottiene in quanto la carrozzeria è esposta alla corrosione e quindi crea una massa tra il portalampada e la carrozzeria. 

    Ciò non ha nulla a che fare con la costruzione della resistenza, ma significa semplicemente che il portalampada ha una resistenza rispetto alla carrozzeria (cosa che non dovrebbe essere).

    Questo fenomeno non si verifica solo con le luci, ma anche gli avvisatori acustici diventano più silenziosi e i tergicristalli più lenti. 

     

    Che cos'è una resistenza reattiva?

    Nella tecnica della corrente alternata, la resistenza è un numero complesso, il che significa che può influenzare sia la quantità che la fase della corrente o della tensione. La resistenza complessa è nota anche con il nome di impedenza. La parte immaginaria dell'impedenza è nota come resistenza reattiva. Ad esempio, un condensatore in un circuito in corrente alternata ha una resistenza reattiva diversa da zero, anche se in un circuito in corrente continua non è possibile che la corrente fluisca attraverso di esso. Il concetto di resistenza reattiva deriva quindi dal fatto che su tali resistenze non si verifica alcuna perdita di potenza (termica).

     

    Vendita di resistenze online: Conrad è il tuo punto di riferimento

    Resistori e resistenze sono elementi fondamentali per un circuito; se cerchi un rivenditore affidabile e puntuale, Conrad è la soluzione che fa per te. Grazie alla struttura del nostro negozio, pensata per rendere semplice e veloce la ricerca di resistori e di resistenze, la vendita diventa uno strumento particolarmente efficiente. Filtra i risultati e trova subito il tipo di resistenza più adatta alle tue esigenze.

    Vasto assortimento di resistenze: vendita online sicura e conveniente

    Sia che lavori come libero professionista, sia che coltivi una passione amatoriale per i circuiti e i progetti di elettronica, Conrad ti mette a disposizione un campionario di resistenze ricco di prodotti; sono infatti oltre 18.000 i pezzi presenti nel nostro negozio, divisi per tipologie, in modo da riuscire a soddisfare ogni esigenza. La vendita online permette di rendere vantaggiosi i prezzi, per cui non esitare, effettua subito i tuoi acquisti su Conrad.

    Tutto quello che cerchi sulle resistenze, in vendita nel tuo negozio online di fiducia

    Conrad è un punto di riferimento per l’acquisto online di resistenze e resistori, e non solo perché propone una scelta ampissima di articoli; i suoi punti di forza risiedono nell’affidabilità, nella professionalità e nella puntualità, tutti aspetti che garantiscono qualità e soddisfazione. L’efficienza del sistema di ricerca e di filtraggio permette infatti di concludere con estrema rapidità il processo di acquisto, mentre l’attenzione negli imballaggi garantisce la consegna dei materiali, riducendo al minimo la possibilità di danneggiamenti.

    Più compri, meno paghi

    Conrad premia i suoi clienti più attivi con offerte e prezzi vantaggiosi. In caso di grandi forniture, basta contattare il servizio assistenza e richiedere un preventivo personalizzato. I nostri clienti sono la nostra forza, facciamo di tutto per soddisfare ogni singola esigenza.

    Conrad Electronic necessita del tuo consenso per l'utilizzo dei dati personali, anche per garantire il funzionamento del sito web e per visualizzare informazioni sui tuoi interessi. Cliccando su "Accetto" dai il tuo consenso. Informazioni dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione sulla protezione dei dati.
    È possibile ritirare il consenso in qualsiasi momento nella politica sulla privacy.
    Declino
    Accetto