Consulente

Cos'è un dimmer?

Con sorgenti luminose dimmerabili è possibile creare un ambiente perfetto. Un dimmer è un componente elettronico che consente di regolare in modo continuo l'alimentazione di corrente a lampade o lampadine collegate. A seconda della situazione, la luminosità può essere regolata individualmente. Ciò che funziona in modo eccellente a casa, in una serata accogliente di televisione con un buon filmato, può essere perfettamente utilizzato anche per presentazioni in sale conferenze: L'intensità luminosa della plafoniera è ridotta a tal punto che l'immagine televisiva ad alto contrasto viene mostrata al meglio ma non è abbagliante. Così come nell'angolo di cottura sul divano, anche su banchi da lavoro e scrivanie le rispettive lampade da lavoro possono essere impostate sulla luminosità ottimale. Le lampade per l'illuminazione della stanza possono quindi essere regolate su un valore di luminosità piacevole. Ciò consente di risparmiare sui costi dell'energia elettrica e di ridurre il consumo energetico, riducendo così l'inquinamento ambientale.

Con luci regolabili, le possibilità di illuminazione individuale sono estremamente diverse e possono essere adattate perfettamente alle più svariate situazioni.

Come funziona un dimmer?

Un dimmer funziona con una tensione alternata di rete di 230 V, con una frequenza di 50 Hz. Ciò significa che al secondo viene alimentata ad es. una lampadina a incandescenza con 50 semionde positive e 50 negative. La luce varia di conseguenza 100 volte al secondo nella luminosità. Tuttavia, l'occhio umano è troppo lento per riconoscere questi rapidi cambiamenti di luminosità. Si crea un'impressione uniforme del cambiamento della luminosità. Per ridurre questa impressione di luminosità, le mezze onde complete non devono più essere alimentate alla lampada. Una parte della semionda deve essere tagliata quasi via. Con un valore efficace di 230 V, la tensione di picco è di 325 V..

Taglio elettronico

Se non viene tagliata alcuna onda sinusoidale, la lampada si accende a piena luminosità. In un dimmer è integrato un interruttore elettronico che può commutare molto rapidamente a causa della mancanza di componenti meccanici. Per questo compito i triac sono particolarmente adatti. Perché sono convenienti e possono eseguire un processo di commutazione mirato a ogni singola semionda della tensione alternata di rete. In pratica, ciò significa 100 operazioni di commutazione on/off al secondo. Inoltre, i triac possono guidare la corrente in entrambe le direzioni. In questo modo vengono utilizzati i semionde superiori (positivi) e inferiori (negativi) dalla lampada per la produzione di luce. La luminosità della lampada collegata può essere indicata con la superficie della tensione alternata effettiva. Se non viene tagliato nulla dall'onda sinusoidale, l'intera superficie dell'onda sinusoidale è efficace e la lampada produce la luminosità massima. Per poter tagliare la parte non necessaria della tensione alternata, sono disponibili due varianti di commutazione:

Dimmer con taglio di fase

I primi dimmer sono stati i dimmer di taglio di fase. Erano facili da costruire, possedevano pochi componenti e funzionavano perfettamente con le lampadine (carichi ohmici). Si è dovuto solo assicurarsi che la potenza delle lampadine collegate non superasse la potenza massima del dimmer. Sono adatti anche per carichi induttivi come i trasformatori a Block o toroidali ad anello di sistemi alogeni a bassa tensione, questi dimmer.

Funzionamento:
Con il dimmer con taglio di fase, la coppia di accensione del rispettivo semionda viene spostata. Dopo il passaggio a zero della tensione alternata, il triac si blocca e la lampada non riceve corrente. Solo quando viene l'impulso di accensione, il triac si accende e all'uscita del dimmer la tensione passa al valore attuale della tensione alternata. Il triac rimane conduttivo fino a quando la tensione alternata non raggiunge nuovamente la linea zero e la corrente di mantenimento minima è inferiore. Solo al successivo impulso di accensione il triac si riaccende.

Regolazione:
Lo spostamento del punto di accensione consente di regolare la luminosità della lampada. Se il tempo viene spostato a destra, la lampada si scurisce. Se il tempo viene spostato a sinistra, si illumina

Dimmer a sezione di fase

Un dimmer che funziona con lampade a incandescenza per anni senza interferenze, sarà un problema con una nuova lampada alogena. La colpa è del trasformatore elettronico. Questo rappresenta un carico capacitivo che, in caso di accensione a forte intensità, provoca un elevato assorbimento di corrente. Pertanto, con carichi capacitivi, la tensione deve aumentare "delicatamente". Allo stesso tempo, è possibile spegnere senza problemi.

Funzionamento:
Con il dimmer a sezione di fase, la coppia di spegnimento del rispettivo semiasse viene spostata. Come interruttore elettronico vengono utilizzati transistor MOSFET Power o anche IGBT. Dopo il passaggio a zero, la tensione alternata all'uscita del dimmer aumenta "delicatamente". La tensione di uscita corrisponde in questo momento alla tensione di ingresso. Tuttavia, quando viene l'impulso di spegnimento, il dimmer spegne la tensione in modo brusco. La lampada non riceve più corrente da questo momento. Solo al successivo passaggio a zero viene nuovamente "delicatamente" accesa.

Regolazione:
Lo spostamento del punto di spegnimento può regolare la luminosità della lampada. Se il tempo viene spostato a destra, maggiore luminosità Se il tempo di rilevazione viene spostato a sinistra, la lampada si scurisce.

Nota:
Con l'evoluzione tecnica, anche il dimmer con taglio di fase viene ora dotato di transistor MOSFET Power o IGBT. Anche se questo rende il lavoro tecnico molto più grande e il prezzo leggermente più alto. In combinazione con un'elettronica di comando intelligente, l'ambito di applicazione di questi dimmer è notevolmente ampliato. In questo modo è possibile regolare la luminosità di molti più tipi di lampadine.

Quale dimmer si adatta a quali lampadine?

In tempi in cui quasi solo le lampadine sono state utilizzate per l'illuminazione, non c'è stato bisogno di preoccuparsi se il dimmer si adatta alla lampadina. Ma ora c'è una varietà quasi ingestibile di diversi tipi di lampade. Oltre alle lampade alogene ad alta e bassa tensione, ai tubi fluorescenti e alle lampade a risparmio energetico, le lampadine a LED conquistano sempre più quote di mercato. Purtroppo non tutti questi lampadine sono completamente dimmerabili. In particolare per le lampade a LED si verifica l'effetto che, a causa del basso consumo energetico, non raggiungono il carico minimo necessario per molti dimmer. Per trovare rapidamente il dimmer giusto, i produttori etichettano il dimmer con un triangolo e tre lettere di identificazione:

Le lettere indicano per quali luci è adatto il dimmer.

Lettera R: Questa lettera di identificazione indica carichi ohmici. Queste includono lampadine a incandescenza o anche lampade alogene ad alto voltaggio. Al posto di questa marcatura viene spesso utilizzato un cerchio con una X come simbolo delle lampade a incandescenza. In genere, questi dimmer sono dimmer con taglio di fase.

Lettera L: Questa lettera di identificazione indica carichi induttivi. I carichi induttivi includono i tradizionali trasformatori alogeni in versione a spirale come ad esempio trasformatori a Block o a nucleo ad anello. Tuttavia, è anche possibile regolare motori elettrici da 230 V se il consumo di corrente del motore non supera la potenza di smorzamento max... Anche con questi dimmer si tratta di un dimmer con taglio di fase.

Lettera C: Questa lettera di identificazione indica carichi capacitivi, come ad esempio trasformatori elettronici alogeni o ballast elettronici. È possibile utilizzare anche lampade a LED con questi dimmer, se le lampadine a LED sono chiaramente designate come dimmerabili. Questi dimmer sono generalmente dimmer a taglio di fase.

La nostra buona pratica

Se si tiene in mano un dimmer meno recente, in cui non sono stampate lettere di identificazione, è possibile eseguire una classificazione in base alle prestazioni. Se la potenza è espressa in watt (W), il dimmer è adatto solo per carichi ohmici (R). Se la potenza è indicata in VA (Volt Ampere), il dimmer è adatto, oltre ai carichi ohmici, anche per carichi induttivi (L) come ad esempio trasformatori convenzionali.

Lampadina a LED dimmerabile

Nel frattempo, anche i produttori di lampadine classificano sempre meglio i prodotti. 

Basta una breve occhiata alla confezione e il cliente vede a prima vista se la lampada è dimmerabile o meno.

Quali sono i tipi di dimmer disponibili?

Il dimmer per il settore residenziale e commerciale è disponibile in diverse forme e modelli. Sono installati in modo fisso nelle luci, possono essere montati in scatole interruttori o anche in distributori di installazione. Per le lampade mobili, i dimmer a filo vengono utilizzati molto volentieri, che vengono integrati direttamente nel cavo di collegamento. La seguente panoramica descrive i tipi di dimmer più importanti e più utilizzati e vi aiuta a trovare il dimmer adatto.

Varialuce universale

Questo tipo di dimmer è una delle varianti di dimmer più facili da installare. Quasi tutti i carichi possono essere regolati con un dispositivo di questo tipo. Questi dimmer misurano automaticamente le caratteristiche del carico collegato durante l'uso. Quindi utilizzano il principio adatto per la regolazione dell'intensità luminosa.

Dimmer a rotazione e touch

Per questi due tipi di dimmer si distingue in base al tipo di funzionamento. In caso di dimmer a rotazione, regolare in modo continuo la luminosità di lampade a soffitto, spot o altre luci mediante una manopola. Premendo il dimmer rotativo si accende o si disattiva l'illuminazione.
Con un dimmer touch, come interruttore si trova un tipo di bilanciere che può essere azionato in due modi diversi. Premendo a lungo il pulsante verso il basso o verso l'alto si aumenta o si riduce l'intensità dell'illuminazione. Premendo brevemente il tasto, la luce si accende o si spegne completamente.

Dimmer da parete e da incasso

Con questi termini si distingue in base al modo di installazione. Come suggerisce il nome, i dimmer da incasso vengono nascosti in una cosiddetta scatola da incasso con l'installazione elettrica dell'interruttore sotto l'intonaco della parete. Un dimmer da parete invece non viene incassato nella parete, ma può essere semplicemente montato sulla superficie della parete.

Dimmer per guide DIN

Questa denominazione dipende dalla forma di installazione del dimmer. I dimmer per guide DIN sono montati su guide di supporto in scatole di fusibili, sottodistribuzioni o scatole di alloggiamento.  Come guida DIN o guida DIN viene indicata una guida profilata in metallo su cui vengono montati diversi dispositivi elettrici, come ad esempio interruttori di protezione. L'associazione con un cappello deriva dalla forma della guida profilata.

Dimmer a filo

A differenza dei dimmer fissi che si trovano nella parete, nella presa di corrente o nella lampadina stessa, questi dispositivi pratici e piccoli possono essere costruiti "in mezzo". Una combinazione di spina e presa viene inserita davanti alla lampada da regolare, mentre la funzione dimmer continua viene regolata tramite un interruttore. Questi modelli sono ideali per una semplice combinazione con lampade a piantana e luci laterali.

Cosa si dovrebbe fare per acquistare dimmer?

La maggior parte delle lampade a risparmio energetico non sono dimmerabili. Prima di acquistare un dimmer, è necessario verificare se la rispettiva lampadina è dimmerabile. Soprattutto per le lampade a risparmio energetico, la regolazione della luminosità non è possibile e anche i tubi fluorescenti tradizionali non sono adatti per la combinazione con un dimmer. Le lampadine normali sono facilmente dimmerabili, tuttavia le lampadine sono sempre più sostituite da lampadine moderne grazie alla legislazione sul consumo energetico. Tutte le lampade alogene, invece, sono facilmente dimmerabili, al contempo positive sul loro consumo energetico.

Le lampadine a LED sono disponibili come varianti dimmerabili, il dimmer deve essere adatto anche per lampadine a LED. Un altro punto importante per la selezione della varialuce è la potenza di collegamento massima. La corrente che passa attraverso gli interruttori elettronici nei dimmer è limitata dal punto di vista strutturale. Pertanto, la potenza delle lampadine collegate non deve essere superiore alla potenza di collegamento massima del dimmer. Poiché il dimmer necessita di un certo carico minimo, i produttori indicano sempre un intervallo di potenza. In particolare con le lampade a LED, può accadere che il carico minimo del dimmer non venga raggiunto e che quindi la luminosità non possa essere regolata. Se il dimmer deve essere integrato in un programma di interruttori esistente, è spesso la soluzione migliore del produttore degli interruttori/prese di corrente a dover acquistare anche il dimmer adatto. In questo modo si garantisce che dimmer, interruttori e prese si armonizzino perfettamente tra loro.

Le domande più comuni sui dimmer

Come posso dimmerare i LED?

Scegliete luci LED dimmerabili, che potrete poi combinare con i dimmer corrispondenti per i LED. In caso di componenti singoli non coordinati, si rischia che il dimmer non sia in grado di far fronte alla bassa corrente e che il LED non si accenda affatto.

Posso installare il dimmer da solo?

Se è necessario sostituire un dimmer difettoso, si tratta di un intervento importante nell'installazione elettrica. L'intervento può essere eseguito solo da professionisti che hanno familiarità con le conoscenze tecniche necessarie. È necessario tenere in considerazione importanti norme di sicurezza, come ad es. Sbloccare, proteggere contro la riaccensione e determinare l'assenza di tensione. Chi non ha familiarità con le procedure necessarie o non ha le possibilità di misurazione necessarie, dovrebbe chiedere aiuto a un esperto.

Da cosa si riconosce se un trasformatore è elettronico o convenzionale?

I trasformatori convenzionali hanno due avvolgimenti in rame e un nucleo in ferro. Per questo motivo sono piuttosto pesanti in termini di dimensioni. La forma corrisponde a un cubo o a un cilindro. I trasformatori elettronici sono invece molto più piccoli e alloggiati in un alloggiamento piatto. Grazie all'elevata frequenza di clock, è necessario un numero notevolmente inferiore di fili di rame e ferro, rendendo il trasformatore molto leggero. La misurazione della tensione di uscita è significativa solo con un oscilloscopio, in quanto i multimetri mostrano spesso valori di misura errati o non corretti nei trasformatori elettronici.

  

 

Conrad Electronic necessita del tuo consenso per l'utilizzo dei dati personali, anche per garantire il funzionamento del sito web e per visualizzare informazioni sui tuoi interessi. Cliccando su "Accetto" dai il tuo consenso. Informazioni dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione sulla protezione dei dati.
È possibile ritirare il consenso in qualsiasi momento nella politica sulla privacy.
Declino
Accetto