Che influenza ha la scarsa qualità dell'aria sulla diffusione dei virus?

Rallentare la diffusione dei virus mantenendo l'aria sana

Per prevenire la diffusione del virus, è essenziale assicurare un clima interno ottimale in negozi, magazzini, uffici, aule e tutti gli altri spazi interni frequentati da molte persone. Pertanto, ha senso monitorare le stanze con un strumenti adeguati quali: TERMOMETRI e IGROMETRI. La ventilazione è il modo migliore per assicurare una sufficiente circolazione dell'aria. Ma quando e quanto spesso è la domanda che ci dobbiamo porre. Gli STRUMENTI adatti possono essere un buon indicatore per determinare quando è necessario arieggiare.

✔ Qualità dell'aria
✔ Umidità
✔ Temperatura

- Gamma di misura CO2: (0-5000) ppm
- Misura della temperatura
- Temperatura di funzionamento: da 0 a 90°C
- Risoluzione del display: 0,1 ° F (0,1 ° C)
- Misurazione RH
- Campo di misura: 5 - 95%
- Precisione: ± 5%.

Guarda il prodotto ›

Simple

- Gamma di CO2: 400 ppm
- 5000 ppm
- Risoluzione CO2: 1ppm
- Precisione CO2: ± (5% di lettura + 50ppm) da 400ppm - 2000ppm
- Gamma di temperatura: da -10.0°C a 50°C
- Temperatura migliore precisione: ± 1°C

Guarda il prodotto ›

Che influenza ha la qualità dell'aria sul rischio di infezione?

I dispositivi di misurazione del CO2 possono stimare come viene utilizzata l'aria in un ambiente chiuso. Una ventilazione mirata può quindi portare a un adeguato ricambio d'aria e a un miglioramento della qualità dell'aria nelle stanze. Inoltre, è essenziale monitorare l'inquinamento da CO2 dell'aria interna nelle scuole e negli uffici, perché le persone in una stanza non notano l'alta percentuale di aria esalata. Questo rende ancora più importante monitorare continuamente il contenuto di CO2 dell'aria nelle stanze chiuse usando un'attrezzatura di misurazione adeguata. Se necessario, è possibile fornire molta aria fresca attraverso una ventilazione intensiva e quindi ridurre efficacemente l'inquinamento da CO2 e gli aerosol.

Alcuni dei nostri misuratori di CO2 e semafori di CO2

Una selezione dei nostri depuratori d'aria

Come influisce l'umidità sulla trasmissione dei virus?

Se l'umidità è troppo bassa o troppo alta, il rischio di infezione da virus è particolarmente alto. Il valore raccomandato è 40% - 60% di umidità relativa. Se l'umidità è più bassa, i virus rimangono infettivi più a lungo sulle superfici secche, e possono anche rimanere più a lungo nell'aria. Possono anche essere spazzati più facilmente dalle superfici solide. Se l'umidità è superiore al valore raccomandato, la diffusione e la distribuzione delle gocce di aerosol nell'aria è influenzata positivamente. Questo spiega anche perché la maggior parte delle malattie influenzali si verificano durante i mesi invernali. L'alta umidità esterna e l'aria surriscaldata e secca all'interno rendono facile il gioco dei virus.

Alcuni dei nostri misuratori di umidità

Come influisce la temperatura sulla trasmissione dei virus?

La speranza che l'agente patogeno SARS-CoV-2 venga indebolito o addirittura eliminato dalle alte temperature estive del 2020 purtroppo non si è avverata. Al contrario. L'agente patogeno della SARS-CoV-2 sopravvive anche alle alte temperature. In uno studio dell'Università Ruhr di Bochum, i ricercatori hanno esaminato l'emivita delle particelle infettive in modo più dettagliato.
L'emivita è il periodo durante il quale il numero di particelle infettive si riduce del 50%. A temperatura ambiente (20-23°C) l'emivita era di circa 9,1 ore. Alla temperatura del frigorifero (4°C) l'emivita era significativamente più alta, 12,9 ore. Il valore massimo di 17,9 ore è stato determinato a 30°C. Di conseguenza, sia le alte che le basse temperature non possono realmente danneggiare il virus.
L'influenza dell'umidità e della temperatura durante la dispersione dell'aerosol è anche menzionata nel profilo SARS-CoV-2 del Robert Koch Institute quando si spiegano le vie di trasmissione. Quindi il buon monitoraggio e la regolazione della temperatura sono molto importanti.

Una selezione dei nostri termometri